Non occorre il permesso a costruire per la pergotenda

Le pergotende, in ragione della consistenza, delle caratteristiche costruttive e della funzione che svolgono, non richiedono, per essere installate, il rilascio del titolo abilitativo.

Si tratta di un principio recentemente ribadito dal TAR della Lombardia con lasentenza numero 2110/2017.

DISTANZE NON A NORMA IN CONDOMINIO: OK, MA SOLO PER UN USO PIÙ INTENSO DELLE PARTI COMUNI

È consentito posizionare dei manufatti nel terrazzo di proprietà a distanze non regolamentari, ma soltanto per un uso più intenso e legittimo delle parti comuni. Lo ha deciso la Cassazione con la sentenza 15 giugno 2017, n. 14916. Secondo il parere della Suprema Corte, è legittimo posizionare i manufatti (nel caso specifico una tettoia e un gazebo) nel terrazzo di proprietà esclusiva, a patto che le opere rispettino la struttura dell’edificio e non limitino l’utilizzo delle parti comuni agli altri condòmini.

CANNE FUMARIE E SISTEMI DI EVACUAZIONE: NUOVA NORMA UNI

Novità per le canne fumarie: dallo scorso 19 ottobre è in vigore la nuova norma UNI 11278:2017, che stabilisce i criteri di scelta dei sistemi metallici di evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi a combustibile solido o liquido, al fine di assicurarne il corretto abbinamento all'apparecchio utilizzatore, sulla base della tipologia di installazione e della designazione del prodotto, in conformità alla UNI EN 1443 e alle norme europee di prodotto applicabili (UNI EN 1856-1, UNI EN 1856-2).

IMMOBILI DA COSTRUIRE: ATTO DEL NOTAIO PER TUTELARE L’ACQUIRENTE

Fornire maggiori garanzie e sicurezze a chi acquista direttamente dall’impresa costruttrice un immobile non ancora realizzato. È questo l’obiettivo della legge delega 155/2017 pubblicata in Gazzetta ufficiale, la cui entrata in vigore è prevista per il prossimo 14 novembre. 

NOVITÀ “BONUS VERDE”: COME FUNZIONA IL NUOVO INCENTIVO STATALE?

Buone notizie per gli amanti del verde. La Legge Finanziaria 2018 ha infatti introdotto un nuovo bonus fiscale per privati e condomini che decidono di investire su interventi green: giardini (compresi quelli pensili), ma anche recinzioni, pozzi, coperture e, più in generale, sistemazione a verde di aree scoperte, pertinenze comprese. Affinché i privati possano accedere al bonus è necessario possedere o detenere, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile su cui si esegue l'intervento.

Ecobonus, Bonus Ristrutturazioni, Bonus Mobili: tutte le novità della Legge di Bilancio

E' iniziato  il 31 ottobre l’iter parlamentare della Legge di Bilancio 2018. La Manovra  introdurrà novità sulle Pensioni (Ape social Donna e RITA), sul lavoro con il bonus assunzioni giovani e bonus per le imprese, per i liberi professionisti con alcune semplificazioni fiscali, e anche sulla Casa.

Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile

Nel question time che si è svolto in Commissione finanze alla Camera è emerso che nella Tares e, quindi, anche nella Tari che l'ha sostituita da qualche anno, il computo della parte variabile della tariffa va fatto una sola volta e considerando complessivamente tutta la superficie dell'utenza, comprese quindi la parte abitativa e le pertinenze che sono situate nello stesso Comune.

REVISIONE TABELLE MILLESIMALI: OK ANCHE CON LA MAGGIORANZA

Per l’approvazione e la revisione delle tabelle millesimali che non derogano ai criteri legali del Codice civile, è sufficiente il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea, che rappresentino almeno la metà del valore dell’edificio. E ciò vale anche se le tabelle sono allegate a un regolamento di natura contrattuale.

ECOBONUS: VERSO LA CONFERMA DELL’INCENTIVO AL 65% PER TUTTO IL 2018

A meno di clamorosi dietrofront, per tutto il 2018 i proprietari delle singole unità immobiliari usufruiranno dell’incentivo per gli interventi di riqualificazione energetica al 65%. Buone notizie anche per i condomini, che potranno accedere al bonus fino al 31 dicembre 2021. La voce, contenuta nella bozza della Legge di Bilancio approvata nei giorni scorsi dal Consiglio dei ministri, è senza dubbio positiva, anche se per alcuni interventi l’incentivo rischia di subire una riduzione dal 65% al 50%, come nel caso dell'acquisto di caldaie a condensazione e a biomassa, infissi e schermature.

Pagine

Abbonamento a Confappi Napoli Caserta RSS