Il calcolo delle tabelle millesimali.

Il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni è proporzionato al valore del suo immobile.

L’art.68 disp. cod. civ. dispone che il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella millesimale, la quale può essere contrattuale, quando redatta dal costruttore-venditore, è inserita nei singoli contratti di vendita e approvata dall’acquirente insieme al regolamento contrattuale; e assembleare, invece, quando è approvata collegialmente dai condomini.

Influiscono sul valore degli appartamenti, e quindi sui millesimi: i metri quadrati, il piano, il tipo di affaccio delle finestre, l’altezza dei soffitti…